Perché ammettere la paura del dentista non è una vergogna

Scritto da

ammettere paura dentista passo vincenteAvere paura del dentista è molto comune, anche se non tutti lo ammettono o sanno di soffrire di questa patologia. Spesso fingere indifferenza è più facile, così come lo è sottovalutare un dolore ai denti o rimandare un appuntamento.
C’è tempo per andare dal medico, esistono gli antidolorifici pronti a stoppare le domande che sorgono in testa.

C’è tempo per curare i denti e andare dal dentista, perché non è così importante, non è così urgente. Spesso non dà nemmeno i risultati sperati, anzi porta solo a soffrire di più.
Questi e altri pensieri fanno parte della mente dell’odontofobico, ovvero chi ha paura del dentista. L’odontofobico soffre in silenzio, non immagina che ci sono diverse soluzioni al suo problema e che oggi curare i denti non è più come un tempo e lo si può fare anche senza dolore.
L’odontofobico ha una paura irrazionale del dentista spesso è inspiegabile anche a se stesso, che non vuole affrontare. Ecco perché ammettere di avere paura è il primo step per superare ciò che spaventa.

Perché rimandare è più facile di affrontare la paura

Rimandare è sicuramente la scelta più semplice, la più comoda. Aiuta a prendere tempo ma anche a non superare quel terrore che fa stare male. Rimandare, però, significa soprattutto posticipare un problema che si ripresenterà in maniera più accentuata senza possibilità di tornare indietro. Perché far passare del tempo e non curare i denti, non solo ti danneggia nel preciso momento in cui rimandi, ma può causarti più dolore una volta che prenderai la decisione di farlo.

E allora, come affrontare il problema?

  • Informati sulle soluzioni più adatte per chi ha paura del dentista. Esistono diversi metodi che consentono a pazienti poco collaborativi, pazienti con bisogni speciali e soggetti odontofobici di curare i denti senza sentire dolore, completamente addormentati. Due le tecniche principali: l’anestesia totale e la sedazione cosciente per via endovenosa.
  • Scegli un medico dentista che ti ispiri fiducia, con cui creare un rapporto che ti porti serenità e diminuisca la paura.
  • Chiarisci ogni tuo dubbio e chiedi spiegazioni dettagliate, che ti aiutino ad arrivare all’appuntamento dal dentista preparato dal punto di vista psicologico.
    Ecco alcune domande che possono crearti dubbi, a cui devi avere risposte tranquillizzanti. Come si lavora a un impianto dentale in anestesia totale? Quanto dura l’intervento? Da chi è composto lo staff medico che opererà mentre sono addormentato? Che cosa succederà al risveglio?

Avere una risposta a tutte le domande che ti preoccupano aiuterà a sentirti meglio.

Perché non devi avere vergogna della paura del dentista

Ammettere la paura del dentista è il primo passo per curare i denti. Solo successivamente puoi informarti su quali sono le terapie adatte per vincere questa paura, per ritrovare il sorriso perso negli anni.

Come ogni timore, anche quello per il dentista si vince nel tempo, con una consapevolezza che rende più forti e sicuri di sé. Oltre alla consapevolezza incide molto la fiducia che si ha nel medico che deve curare i denti. Vedere il medico come un amico disposto ad aiutarti, che rispetterà i tuoi tempi e ti verrà incontro nelle tue esigenze, accresce la motivazione e il desiderio di superare la paura.

Ma ricorda bene, solo se non hai vergogna di ammettere cosa ti spaventa e solo se affronti il problema, puoi chiedere aiuto.