Le dolorose conseguenze della paura del dentista

Scritto da

conseguenze paura dentistaIl solo pensiero del rumore del trapano può spaventare molte persone. È l’effetto della cosiddetta odontofobia. Ma oltre l’udito anche gli altri sensi fanno percepire la paura del dentista.

E questa paura ha un impatto da non sottovalutare sulla vita dei pazienti odontofobici, poiché influisce sul loro benessere fisiologico prima di tutto, ma anche su quello psicologico, emotivo e sociale.

Le conseguenze dell’odontofobia

I pazienti odontofobici hanno molte più probabilità degli altri di avere carie importanti o perfino denti mancanti. Sì, la fobia del dentista può portare alla caduta dei denti, poiché il paziente non si sottoporrà alle periodiche visite dentistiche e non curerà i suoi problemi dentali.

La paura del dentista impedisce a moltissimi pazienti anche di prendere un appuntamento per una visita di controllo e di ricevere, quindi, i trattamenti odontoiatrici di cui hanno bisogno.

Ma a quali conseguenze porta la paura del dentista?

  1. Una carie dentaria non guarisce da sé, ma peggiora col passare del tempo. Da una piccola cavità che si poteva guarire con del semplice composito si può arrivare alla frattura del dente oppure la carie può giungere in profondità, alla polpa dentale, fino a rendere necessaria una terapia canalare, ossia la devitalizzazione del dente.
  2. Un dente da devitalizzare, se non curato e ricostruito, porta a infezioni serie, che causano ascessi e forti dolori che si estendono a tutta l’area del volto interessata dal dente malato.
  3. La perdita del dente non curato è soltanto una delle cause dirette dell’odontofobia.
  4. Evitare le visite dentistiche a causa di questa paura non permette di scoprire problemi più gravi, come le malattie parodontali.

Il circolo vizioso della paura del dentista

C’è anche un altro fatto da considerare: a un maggior bisogno di cure dentali corrisponde una fobia maggiore del dentista e nell’affrontare le cure. E una diretta conseguenza di ciò è un impatto maggiore sulla salute dell’organismo e sulla vita sociale del paziente.

Le conseguenze psicologiche dell’odontofobia portano il paziente a uno stato di continuo imbarazzo e angoscia, che si riflette inevitabilmente sui suoi rapporti sociali.

Perché la paura del dentista può trasformarsi in un circolo vizioso?

La paura è generata da varie ragioni quali per esempio precedenti esperienze negative, cure dentali mal eseguite e dolorose per il paziente, predisposizione naturale all’ansia, ecc.

Si genera così un vero e proprio circolo vizioso che inizia con l’odontofobia:

  • Paura del dentista
  • Ritardo nelle visite dentistiche di controllo
  • Peggioramento del problema dentale
  • Urgenza di cure odontoiatriche
  • Paura del dentista

Il circolo vizioso dell’odontofobia si innesca proprio all’acuirsi del problema dentale. Più la carie è estesa, per esempio, e più disagi e dolore può arrecare al paziente, che magari evita di masticare da quel lato o allevia il dolore, seppur temporaneamente, con un antidolorifico.

Un dente rotto spaventa ancor più, perché stimola nel cervello un’ansia e una fobia maggiori: il paziente lo associa immediatamente a un intervento di estrazione e quindi a un dolore più intenso. Il pensiero delle pinze che estraggono il dente, del sangue che esce dalla ferita e dell’ago e dei punti di sutura producono immagini troppo forti per il paziente odontofobico.

La tua salute dentale è più importante della paura

Hai appena letto a quali conseguenze andrai incontro se non vincerai la fobia del dentista. Le conseguenze peggiori riguardano naturalmente la salute, ma non devi trascurare quelle psicologiche, perché influiscono sul tuo umore, sullo stato d’animo, sull’intera vita personale e sociale.

Non entrare nel circolo vizioso che ho descritto: la paura del dentista si può vincere, basta solo parlarne.

Contattami al più presto se stai ritardando la visita dentistica e spiegami il tuo problema.