L’estrazione dei denti in anestesia totale: chi la sceglie e perché

Scritto da

Estrazione dei denti in anestesia totaleQuante volte hai parlato con persone che avevano paura del dentista e non volevano prendere un appuntamento per farsi curare i denti? Per chi teme l’incontro con il dentista, il solo pensiero di andare dal medico più volte e seguire un trattamento in diverse sedute fa perdere la voglia di curarsi.

Di casi del genere ce ne sono davvero tanti e non sempre si tratta di fobia del dentista. Il problema può dipendere anche dal metodo con cui si procede ed è per questo motivo che ho deciso di specializzarmi nell’estrazione dei denti in anestesia totale. Esperienza e studi mi hanno fatto scegliere questa strada per offrire un servizio esclusivo – innovativo direi – che possa soddisfare chi non ha voglia di affrontare il dentista o ne ha paura.

Mi spiego meglio. Di solito, le cure dal dentista si eseguono in più di una seduta con l’ausilio dell’anestesia locale. Con questa procedura, tutti gli odontoiatri possono - devono - evitare al paziente di sentire doloreL’anestesia locale, però, non è l’unico metodo possibile. Si può lavorare anche con l’estrazione dei denti in anestesia totale.

Perché si sceglie un trattamento dentistico in anestesia totale

Ti stai chiedendo perché si procede con l’anestesia totale? Il problema è che alcuni pazienti possono soffrire di ansia, hanno paura del dentista e spesso la loro paura sfocia in fobia, che in termini medici si chiama odontofobia. Chi ne soffre evita le cure dentali e preferisce deteriorare lo stato di denti e bocca pur di non farsi curare.

Ci sono poi pazienti che non hanno questo problema ma non vogliono correre il rischio di una seduta disagevole, perdere ore in un’attesa snervante. Il loro obiettivo è ottimizzare, risolvere il problema nel minor tempo possibile.

C’è anche un’altra categoria di pazienti. Hanno un piano di trattamento lungo e complesso con terapie odontoiatriche multiple (per esempio devitalizzazioni, otturazioni, estrazioni di denti ecc.) e non accettano di buon grado di recarsi presso lo studio dentistico per settimane, a volte per mesi. Durante ogni incontro devono fare l’anestesia locale per evitare di sentire dolore; ogni volta questa pratica diventa un disagio.

L’estrazione dei denti in anestesia totale: chi se ne occupa e come lavora

In tutti questi casi l’anestesia totale in ambulatorio odontoiatrico o in clinica risolve ogni problema. Sai come funziona? Si esegue un solo intervento nel quale vengono effettuate molteplici cure dentali,  tutte insieme e nello stesso giorno, mentre il paziente dorme.
Il paziente non ha dolore,  le cure dentali vengono svolte rapidamente e ritorna a casa soddisfatto.

Questa tecnica anestesiologica permette di ricevere un servizio odontoiatra confortevole, senza vivere il dentista con stress. Ma non solo. Un trattamento in anestesia totale risponde in modo efficace alle aspettative emozionali e temporali di tanti pazienti. Lo dico per esperienza, perché so che spesso i pazienti ricercano delle modalità terapeutiche alternative, magari vicino il luogo dove abitano, senza trovare delle risposte soddisfacenti.

Per fortuna oggi è possibile farsi curare dal dentista anche mentre si è sedati o addormentati, per affrontare le terapie in modo sereno, veloce e senza nessun trauma.