Impianti dentali e dolore

Scritto da

Impianto dentale doloreL’impianto dentale fa male”: è questa la convinzione che spinge molti pazienti a rimandare di continuo l’inserimento di impianti in sostituzione dei denti naturali. La credenza comune che l’implantologia dentale sia dolorosa induce molte persone, in particolare chi soffre di odontofobia, a evitare l’appuntamento con il dentista.

Il paziente con la fobia del dentista preferisce tenersi un sorriso trascurato con denti rotti o mancanti piuttosto che affrontare i tanto temuti “dolori da impianto”. In realtà, oggi esistono moltissime tecniche che consentono al dentista di operare in modo rapido e indolore, inserendo impianti dentali multipli in una sola seduta.

L’implantologia 3D

Grazie ai moderni software di implantologia 3D, è possibile programmare l’inserimento di impianti dentali sulla base di un’indagine TAC (tomografia assiale computerizzata) o di una tomografia computerizzata cone beam.  Questa tecnica consente di eseguire interventi mini-invasivi pianificando al computer l’operazione e creando una mascherina che agisce da guida chirurgica per l’inserimento degli impianti nelle ossa mascellari del paziente.  In questo modo, nella maggior parte dei casi non vengono eseguite incisioni e suture sulle gengive, riducendo nettamente i dolori e i fastidi post-operazione.

Impianti dentali senza dolore

Grazie agli interventi in sedazione cosciente per via endovenosa o in anestesia generale, è possibile trattare pazienti con “bisogni speciali” affetti da edentulia parziale o totale (mancanza di denti):

  • Odontofobia: pazienti che temono il dolore degli impianti dentali (e in generale hanno paura di andare dal dentista) e per questo motivo rimandano da anni l’intervento;
  • Pazienti affetti da disabilità di vario genere;
  • Persone con malattie gravi: autismo, Parkinson, Alzheimer, tumori, cardiopatie, ecc;
  • Pazienti affetti da iperreflessia (riflesso faringeo accentuato).

Impianti dentali senza doloreCon l’anestesia totale o la sedazione cosciente, il paziente non conserverà alcun ricordo dell’intervento, non sentirà dolore e nel giro di un paio di giorni potrà riprendere le normali attività. Il mio team è in grado di eseguire diverse tipologie di riabilitazioni complesse su arcate edentule e non edentule che permettono alla persona di recuperare la bellezza del proprio sorriso in un’unica seduta operatoria, ad esclusione dell’inserimento della protesi definitiva differita. Questa tipologia di interventi comporta, oltre all’assenza totale di dolore, una notevole riduzione dei tempi terapeutici e delle complicanze post-operatorie.

Esempi di implantologia dentale in anestesia totale o sedazione cosciente

Un intervento su arcata edentula o da rendere edentula può comprendere le seguenti prestazioni:

  1. Eventuale estrazione di tutti i denti residui;
  2. Applicazione di una protesi totale mobile immediata;
  3. Esecuzione di 2 grandi rialzi del pavimento del seno mascellare;
  4. Inserimento di 4/6/8 impianti dentali post-estrattivi immediati o differiti;
  5. Applicazione di una protesi totale fissa immediata o differita.

Un intervento su arcata non edentula invece può comprendere le seguenti terapie odontoiatriche:

  1. Eventuale estrazione di alcuni denti;
  2. Eventuale chirurgia parodontale e terapie canalari;
  3. Eventuali ricostruzioni immediate dei monconi;
  4. Applicazione di una protesi totale fissa immediata;
  5. Riabilitazione protesica differita con 12/14 denti fissi in ceramica applicati entro 2 mesi.

Le operazioni in anestesia generale sono svolte nella sala operatoria di una clinica privata in presenza di un medico anestesista, per garantire il massimo livello di sicurezza al paziente, mentre quelle in sedazione cosciente possono essere eseguite anche nello studio del dentista.

Vuoi programmare l’inserimento di uno o più impianti dentali senza dolore? Contattami per un consulto senza impegno.