Sedazione cosciente endovenosa: cos'è e come è usata in odontoiatria?

Scritto da

Sedazione cosciente endovenosaLa sedazione cosciente endovenosa è una tecnica che ti permette di superare al meglio gli interventi odontoiatrici senza ricordare nulla e sentire nessun dolore.

Molto spesso i pazienti ignorano che c'è un modo per non sentire dolore e fastidi durante le cure dentali: ecco perché oggi voglio rispondere alle domande che più spesso mi fanno i miei pazienti quando gli parlo della sedazione endovenosa.

  • Cos'è la sedazione endovenosa?
  • Posso avere dolori e complicazioni?
  • Quando posso tornare a lavoro?

Devi sapere che la sedazione endovenosa è meno profonda dell'anestesia e avviene con l'iniezione dei farmaci direttamente in vena.

Questo porta molti vantaggi perché si può addormentare il paziente per gradi ed è molto utile con persone non collaboranti affette da malattie come la sindrome di down, bambini e odontofobici (coloro che hanno paura del dentista).

Ora ti spiego tutto nel dettaglio.

Quali sono i rischi e gli effetti collaterali della sedazione cosciente endovenosa?

La sedazione cosciente endovenosa non ha rischi ed effetti collaterali soprattutto se è fatta da uno specialista. E' per questo che io mi affido sempre a un anestesista specializzato.

Inoltre per ogni intervento odontoiatrico si deve sempre prescrivere un protocollo farmacologico specifico per evitare eventuali complicazioni post-operatorie.

Prima di sottoporre un paziente a una qualsiasi operazione con la sedazione endovenosa (anche se si tratta di interventi dal dentista), si fanno degli accertamenti sulla sua salute proprio per scongiurare qualsiasi possibile complicazione.

Che vantaggi ha, quindi, la sedazione endovenosa?

La sedazione per via endovenosa ha il grande vantaggio di iniettare farmaci direttamente all’interno di una vena e quindi di avere un’efficacia farmacologica massima.

Questo permette di:

  • non sentire assolutamente alcun dolore durante l’intervento;
  • iniettare, al termine dell’intervento, anche altri farmaci “non anestetici” come antidolorifici, antinfiammatori (cortisone), antibiotici, antiemetici (contro il vomito), gastro-protettori e così via, garantendo un’azione più rapida e più efficace;
  • di effettuare interventi più lunghi senza dover fare più sedute dal dentista.

In questo modo si può garantire la massima efficacia di ogni terapia e a ridurre dolori e complicazioni.

Sedazione cosciente endovenosa: cosa devi fare dopo l'operazione?

Ci sono delle precise raccomandazioni da seguire prima e dopo un'operazione effettuata con la sedazione cosciente endovenosa.

Prima:

◦ seguire la terapia farmaceutica prescritta per affrontare l'intervento odontoiatrico

Dopo:

  • la sera dell'intervento si deve mangiare una dieta fredda e morbida per evitare il sanguinamento;
  • è importante mangiare per prendere i farmaci post-operatori;
  • riprendi la tua normale vita, compresa quella lavorativa, in 48/72 ore.

Solitamente dolore, gonfiore o febbre nei giorni seguenti l’intervento sono quasi sempre assenti o comunque quasi irrilevanti.

Vuoi più informazioni sulla sedazione endovenosa? Vuoi capire i costi? Scrivimi, clicca qui.